Donate Ora

Potete aiutare così

«Mi è sempre stato chiaro che mi sarei messa in secondo piano per mio fratello».

Intervista con Olivia Frick, sorella di due fratelli con il cancro   

Foto: Heinz Tobler

Olivia Frick lavora come infermiera specializzata nel reparto di oncologia dell'ospedale. La sua scelta professionale ha una lunga storia: lei e due dei suoi fratelli hanno sconfitto con successo il cancro. Olivia aveva dieci anni quando a uno dei suoi fratelli venne diagnosticato un tumore maligno del sistema linfatico. Quattro anni dopo, il suo secondo fratello contrasse la stessa forma di cancro. Nel 2012 anche a Olivia viene diagnosticato il “linfoma di Hodgkin”.  

 

Signora Frick, quando il suo primo fratello ha ricevuto la diagnosi, lei aveva dieci anni, e quattordici quando lo stesso è accaduto al secondo fratello. Com'è stato per lei e la sua famiglia? 
La prima diagnosi è stata uno shock estremo per tutti noi. A casa si parlava molto poco della malattia o di quello che stava accadendo in ospedale. Ero molto giovane e la prima cosa a cui pensavo quando sentivo la parola "cancro" era la morte e avevo molta paura che mio fratello morisse. Non sapevo quasi nulla della malattia o del trattamento ed ero molto destabilizzata. Inoltre, la disperazione e le richieste eccessive dei miei genitori per me erano molto tangibili. Solo molti anni dopo, da adulta, sono stata in grado di mettere correttamente in prospettiva le loro reazioni. Anche se avevo solo dieci anni, ho cercato di proteggere i miei genitori in quel momento e sono diventata molto rapidamente adulta. La vita quotidiana di tutta la famiglia ruotava improvvisamente intorno al fratello malato e i bisogni degli altri tre fratelli venivano messi in secondo piano. Per me è stato particolarmente grave il fatto che, a differenza dei miei fratelli, non mi sia stato permesso visitare mio fratello in ospedale. Quando è tornato a casa dopo l'operazione e la chemioterapia, ero molto triste nel vederlo così malato e infelice. Se avessi saputo di più sulla malattia e sul trattamento, sarebbe stato certamente meno difficile per me. In quel momento difficile, la forte coesione tra noi fratelli mi ha aiutato molto. Con l'altro mio fratello, la situazione è stata invece completamente diversa.


Come ha reagito quando anche a suo fratello maggiore è stato diagnosticato il cancro quattro anni dopo?
Quando è stato scoperto il tumore nel 2010, la malattia era già molto avanzata. Avevamo tutti molta paura per lui e non sapevamo se sarebbe sopravvissuto. A differenza del passato, però, ero più grande e sono stata molto partecipe fin dall'inizio. Per me è stato immensamente importante essere lì per lui e sostenerlo, anche perché siamo molto legati e cercavo di accompagnarlo io all'ospedale per fare gli esami e le terapie. Lui è un combattente nato e dopo nove mesi di terapia intensiva era finalmente fuori pericolo. Emotivamente, questo periodo è stato così stressante che non potevo più fare le cose di tutti i giorni. Per esempio, non potevo continuare ad andare a scuola, ma al contrario, andavo sempre in ospedale a trovare mio fratello. Il mio rendimento scolastico peggiorava e diventava sempre più difficile interagire con i miei compagni di classe. Col senno di poi, direi che ero combattuta tra la paura di perdere mio fratello e la rabbia verso gli altri, che erano tanto fortunati da non trovarsi in una situazione simile. Inoltre ho avuto la sensazione di dover rinunciare a molte cose, come l'attenzione dei miei genitori, che erano divisi tra mio fratello malato e il loro lavoro estenuante. Ma mi è sempre stato chiaro che avrei sempre messo tutto da parte per mio fratello.


Quali sono stati i momenti più difficili durante questo periodo?
La sfida più grande per me in quel periodo era trovare l'equilibrio tra la paura di perdere mio fratello e il mio bisogno di continuare a crescere. Ero nel pieno della pubertà e mi sarebbe piaciuto ricevere più attenzioni e cure di quanto possibile in questa situazione estrema. Non è stato facile farne a meno. Ma sono sempre stata molto riflessiva e altruista. Per necessità, ho dovuto imparare a sviluppare le mie strategie. Oltre al forte legame tra noi, ciò che mi ha aiutato è stato l'amore per mio fratello, i miei amici e lo sport. A causa della malattia dei miei due fratelli e più tardi della mia diagnosi di cancro, ho provato molta sofferenza in giovane età. Ero spesso spaventata e triste, ma ho anche tratto forza da questo periodo difficile. Da un lato, i miei fratelli mi hanno mostrato che è possibile combattere il cancro. D'altra parte, ho imparato presto che i colpi del destino hanno insito in sé anche il potenziale per scoprire le proprie risorse. Oggi direi che ho dovuto crescere da sola e molto in fretta.


Cosa avrebbe desiderato in quel difficile momento?
Mi Sarebbe piaciuto avere più spazio e tempo in famiglia per parlare delle nostre paure e preoccupazioni. In retrospettiva, penso che una comunicazione più aperta e accessibile sulla malattia e la terapia mi avrebbe certamente aiutato. 
Come succede ai bambini piccoli, quando i tuoi genitori stanno male pensi sempre che sia colpa tua e non puoi valutare bene la situazione perché ne sai troppo poco. Credo che proprio per questo sia ancora più importante esternare in famiglia queste sensazioni a volte contraddittorie. Il cancro è un peso estremo anche per gli altri fratelli.


La malattia come ha influito sulla sua vita?
Cerco sempre di concentrarmi sugli aspetti positivi della vita. In famiglia abbiamo tutti imparato qualcosa dalla malattia. Sappiamo quanto la vita sia preziosa e quanto possa essere breve. Personalmente, non ho paura del futuro, prendo la vita come viene e faccio cose che mi fanno bene. A me e ai miei fratelli la malattia ha insegnato molte cose positive. In seguito, ognuno di noi ha trovato la propria strada e si è dedicato a sé stesso e alla propria evoluzione personale. Io, per esempio, volevo studiare economia. Ma non potevo dimenticare le due infermiere che si sono prese cura di me con tanta devozione in ospedale. La passione per la loro professione mi ha profondamente colpita. Ecco perché alla fine ho deciso di seguire il percorso di studi in infermeria. Lavoro in oncologia da cinque anni e amo il mio lavoro. Non credo esista un altro lavoro che farei così bene come questo. Grazie alla mia esperienza, so quali sfide affrontano i malati di cancro e i loro parenti.


Come riassumerebbe la sua esperienza?
Anche se ora può sembrare un po' strano, la mia storia mi ha insegnato a fidarmi della vita.

Torna alla campagna