Youtube Video

«4su5» - una campagna di Cancro infantile in Svizzera

Il tuo augurio personale per i bambini malati di cancro

Per sensibilizzare un vasto pubblico sul tema del cancro infantile, il 1o settembre 2018 Cancro infantile in Svizzera lancerà una campagna di solidarietà abbinata alla possibilità di formulare un augurio per le persone che convivono con questa patologia.

La diagnosi di cancro in età pediatrica è uno shock per l’intera famiglia e la successiva battaglia contro la malattia è spesso un grave fardello, non solo dal punto di vista fisico ma anche da quello mentale. Vogliamo far sapere ai diretti interessati che non sono soli in questo momento difficile e che molte persone pensano a loro.

Mostra la tua partecipazione e la tua solidarietà nei confronti dei bambini malati di cancro e alle loro famiglie e posta il tuo augurio personale qui, sulla nostra pagina.

Cancro infantile in Svizzera invierà una selezione degli auguri più belli agli ospedali pediatrici specializzati per fare coraggio a bambini, ragazzi e ai loro genitori, fratelli e sorelle.

Le sfide nell’ambito del cancro infantile

Con questa campagna di solidarietà, Cancro infantile in Svizzera informa e sensibilizza l’opinione pubblica sulla situazione dei bambini e dei ragazzi affetti da un cancro, dei «survivor» e dei loro familiari.
 

  • Al giorno d’oggi, in Svizzera, su 5 bambini e adolescenti malati di cancro possono ancora esserne salvati solo 4. Così, dopo gli incidenti, il cancro rimane la prima causa di morte infantile per motivi legati alla salute.
  • Durante il trattamento, i bambini e i ragazzi malati di cancro e le loro famiglie sono messi a durissima prova e devono far fronte a un carico non indifferente dal punto di vista della salute e da quello finanziario. Nella maggior parte dei casi, si tratta di bambini piccoli che durante la terapia hanno assoluto bisogno dei loro genitori. Al momento, i padri e le madri che lavorano possono assentarsi dal posto di lavoro per un massimo di 3 giorni. Molti temono di perdere la propria occupazione a causa delle assenze. 
  • Le famiglie devono inoltre sostenere considerevoli spese aggiuntive non coperte per le visite in ospedale, le franchigie, i viaggi in ospedale, i pasti fuori casa, la babysitter per gli altri figli, il sostegno psicologico. Alcuni medicamenti, inoltre, non sono rimborsati dalle casse malati.
  • Dal punto di vista medico, la sfida principale della cura consiste non solo nel guarire i bambini dal cancro, ma anche nel limitare quanto più possibile gli effetti collaterali fisici e psicologici a lungo termine.
  • Per garantire a bambini e ragazzi malati di cancro maggiori possibilità di sopravvivenza sono essenziali una ricerca mirata, studi clinici e nuovi medicamenti sviluppati appositamente per loro.
  • Al giorno d’oggi, purtroppo, i «survivor» devono ancora fare i conti con la mancanza di un numero adeguato di offerte mediche e psicosociali che garantiscano loro le stesse possibilità, nonostante la malattia, sul piano personale, lavorativo ed economico.

Che cosa puoi fare concretamente per dare un aiuto?

Per far sì che la campagna raggiunga il maggior numero di persone possibile, i bambini e i ragazzi malati di cancro hanno bisogno del tuo sostegno!
 

  • Posta il tuo augurio personale per un bambino malato di cancro e la sua famiglia sul nostro sito web (www.cancroinfantile.ch/tuo-augurio) e pubblica la pagina sui social media (Facebook, Twitter, Instagram, Snapchat, LinkedIn, Xing, ecc.).
  • Utilizza gli hashtag seguenti: #4su5   #ThoughtsForAChild   #CancroInfantileSvizzera  
  • Condividi il videoclip nei social media – più siamo, meglio è
  • Invita i tuoi amici su Facebook, la tua famiglia, i tuoi amici, i colleghi di lavoro e i compagni della palestra a partecipare alla campagna

Spot video: youtu.be/mGAVQk4-Ts0

Informazioni sulla campagne

La ricerca è fondamentale per i bambini malati di cancro

In Svizzera, i bambini e i ragazzi affetti da neoplasie vengono curati in nove centri specializzati. La sfida sta nel limitare quanto più possibile gli effetti collaterali a lungo termine. Dal momento che i medicamenti utilizzati non sono stati sviluppati per i pazienti pediatrici, infatti, per poterli impiegare in modo scientificamente controllato è necessario condurre degli studi clinici.

Inoltre, sono necessarie ricerche specifiche per l’introduzione di nuovi farmaci e terapie contro quei tumori che finora hanno presentato ridotte possibilità di guarigione o importanti effetti collaterali. Per questi motivi, Cancro infantile in Svizzera partecipa a vari progetti di ricerca europei e si impegna per migliorare il trattamento medico dei tumori dell’infanzia e dell’adolescenza.

Autoaiuto – sostenere le famiglie colpite nella vita di ogni giorno

La diagnosi e la cura dei tumori dell’infanzia e dell’adolescenza rappresentano un’esperienza difficile per tutte le persone coinvolte. Per mesi, i bambini e i ragazzi interessati fanno avanti e indietro fra casa e l’ospedale; durante la terapia, bambini e genitori devono sopportare una fortissima pressione in termini finanziari, psicologici e di salute.

Le organizzazioni dei genitori e le fondazioni si adoperano per sostenere le famiglie, assumendosi ad esempio le spese dei viaggi tra il luogo di residenza e l’ospedale pediatrico, quelle per i pasti fuori casa, il pernottamento o la cura degli altri figli, oppure organizzando incontri che offrono possibilità di scambio e distensione.

Cancro infantile in Svizzera, inoltre, si occupa di tematiche politiche, come il congedo di assistenza per i genitori interessati, il sostegno economico alle famiglie e l’assunzione del costo di tutti i medicamenti da parte delle casse malati.

Follow-up – per migliorare la qualità della vita dopo il cancro

Gli ex pazienti oncologici pediatrici sono spesso soggetti, da adulti, alle conseguenze fisiche e psicologiche della malattia e della terapia. Per garantire una buona qualità della vita nel lungo termine ai bambini e ai ragazzi guariti da un tumore, la riduzione delle complicanze tardive è un aspetto importante dell’ottimizzazione delle terapie oncologiche.

Le complicanze tardive delle terapie anticancro sono numerose: amputazioni, disturbi della crescita, malattie cardiovascolari, disturbi ormonali, infertilità, compromissione delle capacità cognitive, elevato rischio di tumori secondari. Per un’individuazione precoce di questi disturbi, i «survivor» necessitano di un follow-up mirato e personalizzato.

Con il lancio della piattaforma Internet Suivinet e l’introduzione del Survivorship passport negli ospedali pediatrici svizzeri, Cancro infantile in Svizzera fissa dei criteri per una migliore informazione, per l’assistenza ai «survivor» e la creazione di reti tra di loro, nonché per l’istituzione di un follow-up sistematico. In qualità di partner dell’Università di Lucerna sosteniamo un importante studio scientifico sulle esigenze concrete dei «survivor» svizzeri. Cancro infantile in Svizzera rappresenta inoltre gli interessi dei «survivor» presso organismi internazionali.

Enti promotori della campagna

La campagna è promossa dall’associazione mantello Cancro infantile in Svizzera e dalle organizzazioni che ne fanno parte:

  • Association romande des familles d’enfants atteints d’un cancer ARFEC
  • Stiftung Kinderkrebsforschung Schweiz
  • Kinderkrebshilfe Schweiz
  • Registro svizzero dei tumori pediatrici (RSTP)
  • Gruppo di Oncologia Pediatrica Svizzera SPOG
  • Stiftung für krebskranke Kinder, Regio Basiliensis

Cancro infantile in Svizzera

L’associazione mantello Cancro infantile in Svizzera è stata fondata nel 2015 su iniziativa di rinomate organizzazioni impegnate nella lotta al cancro infantile. Il suo obiettivo è migliorare la situazione dei bambini e dei ragazzi affetti da una patologia neoplastica, dei «survivor» e dei loro familiari negli ambiti del trattamento medico, dell’assistenza psicosociale, della ricerca e del follow-up.

Cancro infantile in Svizzera si occupa di sensibilizzare un vasto pubblico a proposito della situazione dei bambini e dei ragazzi malati di cancro e delle loro famiglie, è portavoce delle organizzazioni che ne fanno parte e rappresenta sul piano nazionale gli interessi di genitori, «survivor», organizzazioni di ricerca e fondazioni donatrici attive nella lotta al cancro infantile.

Maggiori informazioni sulla nostra organizzazione sono disponibili qui