Youtube Video

«4su5» - una campagna di Cancro infantile in Svizzera

Bambini malati di cancro possono guarire!

Grazie ai progressi della medicina nella cura delle neoplasie infantili, in Svizzera 4 bambini su 5 vengono salvati. Subito dopo gli incidenti, il cancro rimane però la seconda causa di morte più frequente. Oltre due terzi degli ex pazienti oncologici pediatrici (i cosiddetti «survivor») presentano inoltre complicanze tardive.

Cancro infantile in Svizzera lancia un appello alla solidarietà

Per sensibilizzare una vasta parte dell’opinione pubblica sul tema dei tumori dell’infanzia e dell’adolescenza e delle loro particolarità nella legislazione e nelle politiche sociali, sulla ricerca e sulla salute, il 1° settembre 2017 Cancro infantile in Svizzera lancerà una campagna di solidarietà con uno spot video.

La popolazione svizzera deve essere informata sulla situazione dei bambini e adolescenti malati di cancro, dei «survivor» e dei familiari,

  • che durante la cura sono messi a dura prova, sia dal punto di vista della salute, sia da quello finanziario. Spesso uno dei genitori deve rinunciare al lavoro e purtroppo in questo caso non esiste nessuna assicurazione contro la perdita di guadagno. Le famiglie devono inoltre affrontare ulteriori spese per le visite in ospedale, il sostegno psicologico e i pasti fuori casa, che non sono coperti.
  • Dal punto di vista medico, la sfida di una cura consiste non solo nel guarire i bambini dal cancro, ma anche nel limitare quanto più possibile gli effetti collaterali fisici e psicologici a lungo termine.
  • C’è bisogno inoltre di una ricerca specifica e di studi clinici per sviluppare nuovi medicamenti e terapie appositamente per i bambini e gli adolescenti affetti dal cancro.
  • Purtroppo i «survivor» devono fare i conti con la mancanza di un numero adeguato di offerte mediche e psicosociali che garantiscano loro le stesse possibilità, nonostante la malattia, sul piano personale, lavorativo ed economico.

Vi preghiamo di sostenere questa campagna, condividendo lo spot video sui social media, aggiungendo il link sul vostro sito web, allegandolo alle vostre e-mail o mettendo un annuncio sulle vostre pubblicazioni. (Per maggiori informazioni si veda sotto)

Aderite anche voi alla campagna!

Affinché la campagna possa raggiungere il più gran numero di persone possibile, c’è bisogno del vostro sostegno!

  • Condividete il video sui social media (Facebook, Twitter, Instagram, Snapchat, Linkedin, Xing ecc.)
  • Utilizzate i seguenti hashtag: #4su5  #ShareDonate  #CancroInfantileSvizzera  #gogold
  • Aggiungete il link della nostra campagna sul vostro sito web utilizzando i banner online
  • Mettete un annuncio sulla vostra rivista, sulla vostra pubblicazione aziendale o sul giornale dell’associazione ecc.

I materiali per la campagna di Cancro infantile in Svizzera sono disponibili qui:

Spot video: youtu.be/O-jA30X_G6Y

Informazioni sulla campagna

banner tedesco 300x250px
banner tedesco 600x160px
Annuncio tedesco
animated gif tedesco

banner francese 300x250px
banner francese 600x160px
Annuncio francese
animated gif francese

Enti promotori della campagna

L’associazione «Cancro infantile in Svizzera» è costituita dalle seguenti organizzazioni:

  • ARFEC Association romande des familles d’enfants atteints d’un cancer
  • Stiftung Kinderkrebsforschung Schweiz
  • Kinderkrebshilfe Schweiz
  • Registro svizzero dei tumori pediatrici (RSTP)
  • SPOG Gruppo di Oncologia Pediatrica Svizzera
  • Stiftung für krebskranke Kinder, Regio Basiliensis

La ricerca è essenziale per i bambini colpiti dal cancro

In Svizzera, i bambini e gli adolescenti affetti da neoplasie vengono curati in nove centri specializzati in oncologia pediatrica. La sfida sta nel limitare quanto più possibile gli effetti collaterali a lungo termine di terapie aggressive. I farmaci utilizzati, infatti, non sono stati sviluppati per i pazienti pediatrici. Per poterli impiegare in modo scientificamente controllato è necessario condurre degli studi clinici.

Occorrono inoltre specifiche ricerche per l’introduzione di nuovi farmaci e terapie contro quei tumori che finora hanno presentato ridotte possibilità di guarigione o importanti effetti collaterali. Cancro infantile in Svizzera partecipa a vari progetti di ricerca europei e si impegna per migliorare le terapie contro i tumori dell’infanzia e dell’adolescenza, sostenere la necessaria ricerca clinica, nonché promuovere la ricerca di base e di laboratorio nell’ambito delle neoplasie infantili.

Autoaiuto

La diagnosi e la cura dei tumori dell’infanzia e dell’adolescenza rappresentano un’esperienza difficile per tutte le persone coinvolte. Per mesi i bambini e i ragazzi interessati fanno avanti e indietro fra casa e l’ospedale; durante le terapie, pazienti e genitori sono sottoposti a una forte pressione, con un carico molto pesante in termini finanziari, psicologici e di salute.

Le organizzazioni dei genitori e le fondazioni si adoperano per sostenere le famiglie, assumendosi ad esempio le spese dei viaggi tra il luogo di residenza e l’ospedale pediatrico, o con l’organizzazione di incontri che offrono possibilità di scambio e distensione.

Cancro infantile in Svizzera si occupa inoltre di tematiche politiche, ad esempio la tutela dal licenziamento dei genitori e l’assunzione delle spese da parte delle assicurazioni.

Follow-up

Gli ex pazienti oncologici pediatrici sono spesso soggetti, da adulti, alle conseguenze fisiche e psicologiche della malattia e della terapia. Per consentire ai bambini e ai ragazzi guariti da un tumore di poter avere una buona qualità della vita nel lungo termine, la riduzione delle complicanze tardive è un aspetto importante dell’ottimizzazione delle terapie oncologiche.

Le complicanze tardive delle terapie anticancro sono numerose: amputazioni, disturbi della crescita, malattie cardiovascolari, disturbi ormonali, infertilità, compromissione delle capacità cognitive, elevato rischio di tumori secondari. Per un’individuazione precoce di questi disturbi, i survivor necessitano di un follow-up personalizzato.

Con il lancio della piattaforma Internet «Suivinet» e l’introduzione del Survivorship passport europeo, Cancro infantile in Svizzera fissa dei criteri per una migliore informazione, per l’assistenza ai survivor e i contatti tra di loro, e per l’istituzione di un sistematico follow-up.

Cancro infantile in Svizzera

Nel 2015 alcune note associazioni impegnate contro i tumori infantili si sono riunite nell’associazione «Cancro infantile in Svizzera» per migliorare, unendo le proprie forze, la situazione dei pazienti e dei loro familiari in vari ambiti.

Cancro infantile in Svizzera è portavoce nei confronti delle istituzioni e di altre organizzazioni e rappresenta gli interessi di genitori, survivor e medici, ad esempio nell’ambito della legislazione e della politica sulla salute e la ricerca.

Per maggiori informazioni visitare il sito: www.cancroinfantile.ch.