Donate Ora

Potete aiutare così

Unire le forze contro 
il cancro infantile

Ogni anno in Svizzera si ammalano di cancro circa 300 bambini e adolescenti, dei quali più della metà sono neonati e bambini di età inferiore ai quattro anni. Anche se oggi 4 bambini su 5 possono guarire, quasi ogni settimana un bambino muore. Cancro Infantile in Svizzera e le organizzazioni aderenti si impegnano a migliorare le condizioni dei bambini malati di cancro, delle loro famiglie e dei survivor in tutta la Svizzera.

Campagna

Bambini in ombra

Vai alla campagna

Rapporto annuale 2020

Una panoramica dei progetti e delle attività

Rapporto annuale 2020 (in francese)

Storia

«Il mio più grande desiderio è quello di condurre una vita indipendente»

Vai alla storia

Prof. Nicolas von der Weid, MD

SÌ all'iniziativa «bambini senza tabacco»

«Il fumo da solo causa un terzo di tutti i tumori negli adulti. La maggior parte dei fumatori inizia a fare uso di tabacco durante l'infanzia o l'adolescenza. È noto che i giovani sono particolarmente ricettivi alla pubblicità, soprattutto attraverso i social media. È quindi fondamentale vietare la pubblicità dei prodotti da fumo rivolta ai bambini e ai giovani adulti.»

Prof. Nicolas von der Weid, MD, direttore del dipartimento di ematologia-oncologia all'ospedale pediatrico universitario di Basilea (UKBB) e presidente di Cancro Infantile in Svizzera. Qui potrete trovare maggiori informazioni sull'iniziativa «bambini senza tabacco».

Settori d'intervento

Nella lotta contro il cancro infantile siamo attivi in tutta la Svizzera nei settori qui di seguito evidenziati, con i nostri progetti, le campagne di sensibilizzazione, l’impegno politico a favore delle persone colpite, il servizio di assistenza per i survivor e il sostegno finanziario delle organizzazioni aderenti.

News

Panoramica delle news

Storie

«Ci é mancato il terreno sotto i piedi»

Susanne Mattle Rohrer con Malin

Vai alla storia

«Il mio lavoro inizia con il primo contatto»

Dr. med. Eva Maria Tinner

Vai alla storia

«Auguro salute ad ogni ex paziente oncologico pediatrico»

Christina Schindera, MD

Vai alla storia
Panoramica delle storieAll'inizio